Questo sito utilizza cookie per seguirti nei servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca sull'apposito bottone.

Cliccando OK acconsenti all'uso dei cookie.

Indietro

Conferenza europea epidemiologia malattie infettive, si parlerà anche del focolaio di Motta di Livenza

(n. 269/2019) Il report del focolaio epidemico che ha interessato il territorio del mottense nella primavera scorsa è stato selezionato tra gli eventi di sanità pubblica che saranno oggetto di approfondimento scientifico nell’ambito della prestigiosa Conferenza europea sull’epidemiologia delle malattie infettive, in programma dal 27 al 29 novembre a Stoccolma. 
I dati e le modalità di gestione sanitaria dell’evento saranno illustrati da un giovane ricercatore, il dottor Davide Gentili, che attualmente frequenta, come specializzando, il Servizio Igiene e Sanità Pubblica dell’Ulss 2. 

Particolarmente importanti sono risultati i numeri dell’evento con 13 casi accertati di tubercolosi polmonare (2 a carico di insegnanti, 11 a carico di bambini frequentanti la scuola elementare) e 50 positività alla Mantoux, trattate con chemioprofilassi.  Di interesse per gli scienziati europei è risultato l’enorme lavoro di indagine epidemiologica, con circa mille Mantoux effettuate e centinaia ulteriori approfondimenti diagnostici (Rx torace, Tac, esami di laboratorio anche con metodiche molto sofisticate, visite specialistiche) che hanno coinvolto l’intera scuola primaria di Motta di Livenza e i ragazzi frequentanti le prime due classi delle Medie. 

Rilevante è apparsa inoltre la consistenza della task force di professionisti che nell’Ulss 2 si sono dedicati alla gestione del focolaio epidemico: igienisti, infettivologi, microbiologi, pediatri, radiologi, pneumologi etc. 


Altre Informazioni

Pubblicato da Ufficio Stampa ULSS 2 Marca trevigiana, il giorno 7 novembre 2019

Categorizzato in News, Istituzionale, Eventi, Salute, Sociale