Questo sito utilizza cookie per seguirti nei servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca sull'apposito bottone.

Cliccando OK acconsenti all'uso dei cookie.

Indietro

Coronavirus. Regione Veneto smentisce dati diffusi da "Il Veneto che Vogliamo" e persone ad esso vicine. Informazioni false

In relazione alla delicatezza del momento, e al fine di non ingenerare ulteriore angoscia e psicosi tra i cittadini, le famiglie e i pazienti, la Giunta regionale si vede costretta a smentire false informazioni, diffuse sui social da un movimento politico e da persone ad esso riconducibili. Informazioni non veritiere che potrebbero ingenerare timori circa la tenuta dell’aspetto più delicato, ovvero il sistema delle Terapie Intensive e la valenza dei letti aggiuntivi che in queste ore si stanno allestendo.

A tal proposito, la giunta regionale delega l’Area Sanità e Sociale della Regione del Veneto a precisare quanto segue:

“Appare evidente che i consulenti utilizzati dal movimento stesso non dispongono della necessaria dimestichezza in materia di statistica sanitaria. In tale tabella, non solo è errato il dato finale riferito alle schede ospedaliere del 2019, ma addirittura quello iniziale, riferito a quelle del 2013.

Assolutamente irricevibile è la citazione di un dato di partenza riferito al 2002, ben 18 anni fa e in un contesto nemmeno lontanamente paragonabile a quello attuale caratterizzato da un’infinità di innovazioni tecnologiche e scientifiche, ma addirittura errato è il dato riferito al 2013 in relazione al 2019. Nella realtà, facilmente verificabile dai numeri ufficiali, i posti letto di terapia intensiva, in Veneto, sono aumentati di 10 unità: dai 939 delle schede del 2013, ai 949 delle schede 2019. Il meno 39% segnalato nella tabella de “Il Veneto che Vogliamo” è da considerarsi semplicemente falso, falsato da una lettura quanto meno superficiale dei dati.

Gli estensori della tabella, semplicemente non sapevano, o hanno fatto finta di non sapere, che nella delibera 614/2019 (quella che ha fissato la dotazione reale degli ospedali pubblici del Veneto), nell’ambito del riordino dell’area materno-infantile, i posti letto di patologia neonatale e terapia intensiva neonatale sono stati riclassificati all’interno di tale area e sono, ovviamente, attivi.

In conclusione, vale solo la pena di ricordare i numeri reali di fonte ministeriale: i posti letto di terapia intensiva pubblici sono in Italia in tutto 4.282 dei quali 443 in Veneto (più del 10% nazionale). A questi vanno aggiunti 44 posti letto di terapia intensiva operativi nel privato accreditato per un totale, in Veneto, di 487”.

(fonte AVN)


Risorse Correlate
Altre Informazioni

Pubblicato da Ufficio Stampa ULSS 2 Marca trevigiana, il giorno 19 marzo 2020

Categorizzato in News, Istituzionale, Salute, Emergenze, Sociale