Questo sito utilizza cookie per seguirti nei servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca sull'apposito bottone.

Cliccando OK acconsenti all'uso dei cookie.

Indietro

DHO Oncologico di Montebelluna: cresce e fa rete

(n. 152/2020) Continuità di servizio mantenuta per il Day Hospital Oncologico del San Valentino che si prepara ad un restyling tecnologico ed ad un potenziamento del personale nella logica della rete oncologica veneta. I pazienti oncologici del Distretto Asolo hanno ricevuto regolarmente le loro cure nonostante le criticità venutesi a creare con la riorganizzazione dei reparti dell’Ospedale di Montebelluna.  “Come prima disposizione è stato attivato un triage telefonico il giorno precedente l’accesso in Day-Hospital con un’infermiera dedicata in modo da intercettare la presenza di sintomi sospetti – racconta il direttore Giovanni Vicario, direttore del Day Hospital Oncologico di Montebelluna - Il giorno dell’accesso in day-hospital il triage viene ripetuto. Così sono stati riprogrammati gli appuntamenti per visita e terapia, dilazionando gli orari stessi, in modo da ridurre il tempo di permanenza in sala di attesa e garantire la presenza contemporanea del minor numero possibile di pazienti, parimenti  sono state distanziate le poltrone per infusione di chemioterapie e, quando possibile, i pazienti sono stati invitati ad eseguire i prelievi ematici nel punto prelievi vicino al proprio domicilio due giorni prima dell’accesso in day-hospital”. Obiettivo sicurezza ovviamente in queste settimane con l’accesso al Day Hospital Oncologico di Montebelluna esclusivamente con i dispositivi di protezione idonei e nei casi possibili i pazienti sono stati tenuti a casa  e raggiunti telefonicamente: “Le prime visite oncologiche sono state spostate al pomeriggio ed i pazienti liberi da malattia, ma in controllo programmato secondo linee guida del follow-up oncologico, sono stati seguiti in teleconsulto con la visione degli esami,  eseguiti in precedenza, e la redazione di referto, successivamente fatto recapitare al loro domicilio,  con allegate  impegnative ed appuntamenti  per i successivi esami e visita di  controllo – aggiunge il dr. Vicario – Inoltre abbiamo continuato l’appuntamento multidisciplinare in web conference ogni mercoledì pomeriggio, nell’ambito del GIO (gruppo interdisciplinare oncologico) per il distretto di Asolo”. Nel mese di maggio è atteso l’aumento del personale infermieristico di una unità, mentre la prossima settimana sarà installato il totem informatico con l’elenco delle prestazioni a disposizione dei pazienti che accedono in day-hospital collegato ai tabelloni per la chiamata dall'ambulatorio.
Il numero di pazienti seguiti al DHO del San Valentino nel primo trimestre 2020 è stato 182 per un totale di 1004 infusioni di chemioterapici rispetto ai 129 pazienti e 790 sedute di chemioterapia nel 2019.

Altre Informazioni

Pubblicato da Ufficio Stampa ULSS 2 Marca trevigiana, il giorno 30 aprile 2020

Categorizzato in News, Istituzionale, Salute, Emergenze, Sociale