Questo sito utilizza cookie per seguirti nei servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca sull'apposito bottone.

Cliccando OK acconsenti all'uso dei cookie.

Indietro

Difetti del sistema immunitario e Covid-19: due studi del Centro Regionale per le Malattie Rare Immunologiche e dell’Apparato Respiratorio del Ca' Foncello

(n.140/2020) È noto che i pazienti immunodepressi, come le persone con immunodeficienze congenite o secondarie, i pazienti trattati con farmaci ad azione immunosoppressiva e i soggetti con malattie oncologiche o oncoematologiche in caso d'infezione da virus respiratori sono a rischio sia per quanto riguarda la morbilità che la mortalità. 
Il gruppo di lavoro del Centro per le Malattie Rare Immunologiche e dell’Apparato Respiratorio della Medicina Interna 1 dell'Ospedale Ca' Foncello di Treviso, diretto dal prof. Carlo Agostini, è da sempre coinvolto nella gestione clinica dei pazienti con malattia immunologica.  Nelle ultime settimane il team ha avviato una serie di progetti di ricerca finalizzati a valutare l’impatto della pandemia da SARS-Cov-2 in pazienti con difetti del sistema immunitario ed è recente la notizia che i risultati ottenuti dal team sono stati oggetto di due pubblicazioni sulle due più prestigiose riviste immunologiche dell’American Academy of Allergy, Asthma and Immunology Society. 
“In un primo studio, “Health-Related Quality of Life in Common Variable Immunodeficiency Italian Patients switched to remote assistance during the COVID19”, pubblicato sulla rivista “The Journal of Allergy and Clinical Immunology: In Practice" – spiega il prof. Agostini - è stato valutato l’impatto della pandemia sulla qualità della vita dei pazienti. È stata anche descritta la necessità di modificare la consueta gestione ambulatoriale dei pazienti affetti da immunodeficienza. Gli autori descrivono l'esperienza di Treviso e di altri centri italiani che in queste settimane sono stati costretti a riorganizzare la loro attività clinica, avviando servizi ambulatoriali telematici che hanno consentito il management a distanza dei pazienti affetti da malattie del sistema immunitario. È stata anche potenziata la domiciliazione delle terapie, ad esempio suggerendo ai pazienti con deficit anticorpali di passare dalla classica terapia iniettiva intraospedaliera alla terapia sostitutiva a domicilio. Grazie all'uso di immunoglobuline sottocutanee il passaggio è stato ottenuto con successo in quasi tutti i pazienti che hanno potuto continuare le loro terapie senza essere costretti a recarsi in ospedale durante l'infezione”. 
Un secondo lavoro è stato pubblicato sull’ancora più prestigiosa rivista “The Journal of Allergy and Clinical Immunology", riconosciuto organo ufficiale per allergologi immunologi, dermatologi, gastroenterologi e altri medici e ricercatori che si interessano di malattie allergiche e immunologiche che colpiscono vari organi.  “Lo studio ancora una volta eseguito in collaborazione con i maggiori centri di immunologia italiani – illustra Agostini - ha affrontato il ruolo delle cellule che producono anticorpi (i linfociti B) nell’andamento clinico dell’infezione da SARS-Cov-2 in pazienti con difetto congenito dei linfociti B. I dati ottenuti permettono di ipotizzare che sulla base del tipo di cellule immunitarie innate e adattive che circolano nei singoli pazienti è possibile spiegare il decorso più o meno aggressivo del quadro clinico.
Questi studi – conclude il professor Agostini – aiutano a fare chiarezza rispetto al tema del rapporto tra malattie del sistema immunitario e COVID, una problematica che ha generato grande preoccupazione nelle persone affette da condizioni congenite o secondarie di immunodeficienza e che sin dai primi giorni della pandemia hanno telefonato e telefonano per chiedere consigli al servizio telefonico organizzato dal Centro”.

Altre Informazioni

Pubblicato da Ufficio Stampa ULSS 2 Marca trevigiana, il giorno 21 aprile 2020

Categorizzato in News, Istituzionale, Salute, Emergenze, Sociale