Questo sito utilizza cookie per seguirti nei servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca sull'apposito bottone.

Cliccando OK acconsenti all'uso dei cookie.

Indietro

Gastroenterologia di Conegliano, pubblicato studio su utilizzo protesi metalliche di ultima generazione nella più prestigiosa rivista di Endoscopia Digestiva mondiale

(193/2020) Pubblicato sulla più prestigiosa rivista di endoscopia digestiva mondiale, Gastrointestinal Endoscopy, un importante articolo, frutto del lavoro di mesi condotto nell’ambito dell’Unità Operativa di Gastronterologia dell’Ospedale di Conegliano,  sull’utilizzo delle protesi metalliche nelle stenosi maligne dello stomaco e del duodeno. 
La rivista è ad alto impatto per la diffusione scientifica e vengono pubblicate tutte le linee guida della società americana di endoscopia digestiva (ASGE) che rappresentano un punto di riferimento per tutti i gastroenterologi ed endoscopisti nel mondo.

Lo studio è stato ideato e condotto dal primario, dr Alberto Tringali e dalla dr.ssa Deborah Costa della UOC di Gastroenterologia di Conegliano, con la partecipazione  dell’Humanitas di Milano (prof. Alessandro Repici, dr Andrea Anderloni, dr.ssa Silvia Carrara) e del dr. Douglas Adler dell’University of  Utah (USA).

“Le stenosi gastroduodenali  - spiega il dr Tringali - sono prevalentemente dovute ai tumori gastrici e del pancreas e determinano, nei pazienti affetti ed inoperabili, vomito ed impossibilità ad alimentarsi. Il posizionamento della protesi consente al paziente di ripristinare la normale alimentazione e migliorare la qualità di vita, sempre nell’ambito di  un trattamento palliativo. 
La nostra revisione sistematica ha incluso molteplici studi arrivando, per la prima volta, alla conclusione che il posizionamento di protesi metalliche ricoperte di ultima generazione, a differenza di quelle scoperte,  consente di migliorare la pervietà della protesi ed evitare una nuova procedura”.


Altre Informazioni

Pubblicato da Ufficio Stampa ULSS 2 Marca trevigiana, il giorno 16 giugno 2020

Categorizzato in News, Istituzionale, Salute