Questo sito utilizza cookie per seguirti nei servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca sull'apposito bottone.

Cliccando OK acconsenti all'uso dei cookie.

Indietro

Giornata mondiale del malato reumatico, a Treviso screening gratuito

Sabato 28 settembre, giornata mondiale del malato reumatico, Ulss 2 Marca trevigiana, Associazione Malati Reumatici del Veneto (A.Ma.R.V. Onlus ) sezione di Treviso e Comune di Treviso, organizzano uno screening in Piazza dei Signori a Treviso. 
“Fatti dare una mano“, questo il titolo dell’evento, vedrà la presenza, dalle ore 9.30 alle 18.00 di un team di 15 specialisti (reumatologi, radiologi, fisiatri e ortopedici) per una consulenza reumatologica gratuita.
Nell’occasione i reumatologi dell’ULSS 2 saranno a disposizione per fornire informazioni alla cittadinanza al fine di facilitare il riconoscimento delle malattie reumatiche in fase iniziale. 
Le malattie reumatiche rappresentano, a livello nazionale, una delle cause di inabilità temporanea e disabilità permanente e sono la causa più frequente di assenza dal lavoro.
In Italia sono oltre 5 milioni le persone che ne soffrono, e di queste circa 734.000 sono colpite da forme croniche quali: artrosi, artrite reumatoide, spondilo artropatie, vasculiti e connettiviti, malattie particolarmente temibili per il coinvolgimento, oltre che osteorticolare, di organi interni quali cuore, polmoni, nervi, vasi, cervello e altri ancora.
Nel Veneto, su circa 4.925.000 abitanti il 17% è colpito da patologie reumatologiche, ovvero 715.000 persone.
A soffrire di malattie reumatiche sono persone di tutte le età e di ogni fascia sociale con una maggiore prevalenza tra le donne, spesso si manifestano nel periodo riproduttivo condizionando la qualità della vita.
Negli ambulatori dei medici di base su 10 pazienti 4 lamentano un problema osteoarticolare.
Il 27% delle pensioni di invalidità è dovuto a problemi reumatici, questi ultimi sono la causa più frequente di assenza dal lavoro. Circa 1 milione di ore non produttive per anno.
Inoltre 4 persone su 10 sono costrette a cambiare lavoro o a rinunciare alla propria attività.
Troppo spesso le malattie reumatiche sono sottovalutate dagli stessi pazienti visto che ancora oggi nel Veneto l’85% delle persone si rivolge allo specialista reumatologo quando la malattia è in stato avanzato, cioè quando i sintomi sono già comparsi da molto tempo. 
All’interno dell’Ulss 2 il centro reumatologico di riferimento è rappresentato dal Centro Regionale per la cura delle malattie rare immunologiche e reumatologiche all’interno del reparto di Medicina 1 diretto dal Prof. Carlo Agostini, presso l’Ospedale Ca’ Foncello. Alla giornata mondiale del malato reumatico hanno aderito anche l’Unità Operativa di Medicina dell’Ospedale di Conegliano, l’Ospedale di Montebelluna, l’Ospedale riabilitativo di alta specializzazione di Motta di Livenza.

Altre Informazioni

Pubblicato da Ufficio Stampa ULSS 2 Marca trevigiana, il giorno 19 settembre 2019

Categorizzato in News, Eventi, Salute