Questo sito utilizza cookie per seguirti nei servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca sull'apposito bottone.

Cliccando OK acconsenti all'uso dei cookie.

Indietro

Il 5 dicembre Gran Concerto di Natale a supporto iniziative umanizzazione Pediatria Ca' Foncello

(n. 284/2019) Una giornata di eventi per sensibilizzare la popolazione sulle iniziative a favore dei progetti di umanizzazione in ospedale: a organizzarla, il 5 dicembre prossimo, l’associazione “Per Mio Figlio” da ormai vent’anni a fianco dell’Ulss 2 nell’ambito di iniziative di umanizzazione attuate nel Dipartimento Materno-Infantile del Ca’ Foncello. 
La mattinata sarà dedicata ai bambini, con un’iniziativa, “Il canto di Natale” di Dickens, rivolta agli alunni delle materne di Treviso. 
Alle 20.30, invece, appuntamento all’Auditorium Fondazione Cassamarca, in piazza delle Istituzioni a Treviso, per il Gran Concerto di Natale. Sul palco si alterneranno due orchestre, la Big Bang Unipd, composta da personale e studenti dell’Università di Padova, e l’Asclepio Ensemble composto da medici, infermieri, tecnici, che lavorano in varie aziende sanitarie del Veneto: si esibiranno in due versioni, una classica e una jazz, dello Schiaccianoci di Cajkovskij.    
Biglietto unico per il concerto: 15 euro. I biglietti si possono acquistare, oltre che all’Auditorium la sera dell’evento o online su eventbrite.it  anche presso i negozi Cappelletto, La musicale, Lazzari. 
Il ricavato del concerto sarà devoluto per le iniziative di umanizzazione del Dipartimento Materno Infantile tra cui l’acquisto di una Ret Cam per l’Unità Operativa di Oculistica del Ca’ Foncello. 
“Il Dipartimento Materno Infantile del Ca’ Foncello, eccellenza riconosciuta a livello nazionale,  è oggetto di una grande sinergia per la quale non posso che ringraziare tutti gli attori – ha sottolineato il direttore generale, Francesco Benazzi -. All’Associazione “Per Mio Figlio” va un sentito ringraziamento per gli importanti  progetti di umanizzazione che da anni sostiene: su 100 bimbi prematuri 8 rischiano la cecità per renitopatia, di cui l’importanza di un’apparecchiatura come la Ret Cam”. 
“La Ret Cam ci darà un grande aiuto per le circa 650 visite annue che facciamo sui bimbi prematuri, quest’ambito, consentendoci in particolare diagnosi più precise e tempestive, estremamente importanti considerato il rischio di cecità”, ha sottolineato il primario di oculistica, Giuseppe Scarpa.  
“All’Associazione “Per Mio Figlio” va un sentito ringraziamento per il grande supporto che l’Associazione ci dà nell’ambito dell’umanizzazione delle cure – ha aggiunto Stefano Martelossi, primario di Pediatria -;  dobbiamo a loro il pronto soccorso pediatrico, l’oasi pediatrica, l’avvio del progetto di assistenza neuropsichiatria e psicologia in corsia”. 
Un ringraziamento particolare all’Associazione è giunto, nel corso della presentazione degli eventi in programma il 5 dicembre a sostegno di progetti di umanizzazione dal vice sindaco di Treviso, Andrea De Checchi, dal direttore di Assindustria Venetocentro, Giuseppe Milan, dal presidente di Ascom Confcommercio, Federico Capraro che hanno sottolineato l’importanza della “sinergia tra un’eccellenza privata e un’eccellenza pubblica”.  
“Il nostro obiettivo è quello di intervenire laddove il pubblico non arriva, in particolare a supporto dei bambini del territorio con problemi di salute – ha sottolineato Denise Archiutti, del Direttivo dell’Associazione -. Proprio ai bambini abbiamo voluto dedicare, quest’anno, il concerto del mattino, che si affianca, il 5 dicembre, all’evento serale. 
Giovanni Tagliente e Alessandro Fedrigo rispettivamente primo violino dell’Asclepio Ensemble e direttore della Big Band Unipd si sono detti “estremamente felici di partecipare a un evento che rientra perfettamente nella nostra mission”.        

Seleziona il contenuto web
Altre Informazioni

Pubblicato da Ufficio Stampa ULSS 2 Marca trevigiana, il giorno 28 novembre 2019

Categorizzato in News, Istituzionale, Eventi, Salute, Sociale