Questo sito utilizza cookie per seguirti nei servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca sull'apposito bottone.

Cliccando OK acconsenti all'uso dei cookie.

Indietro

Insieme facciamo battere il cuore!

(n.190/2018) Sensibilizzare la popolazione riguardo la problematica dell'arresto cardiaco extraospedaliero e insegnare ad affrontare un arresto cardiaco o  un’ostruzione delle vie aeree è l’obbiettivo della giornata “Insieme Facciamo battere il cuore” organizzata dal SUEM 118 Treviso Emergenza in centro a Treviso, sabato 29 settembre prossimo. Un evento in piazza in cui i cittadini possono avvicinare gli esperti del Suem  in spazi pubblici appositamente attrezzati.

Alle 12.00, presso la Sala riunioni della Prefettura di Treviso è prevista la consegna di defibrillatori automatici esterni ai seguenti enti: PREFETTURA DI TREVISO, POLIZIA LOCALE DI TREVISO, COMUNE CASALE SUL SILE, COMUNE DI MONTEBELLUNA, COMUNE DI ZERO BRANCO. Saranno presenti il Prefetto di Treviso, il Direttore generale dell’Ulss 2, il Direttore del SUEM 118 Treviso Emergenza. Saranno presenti il Prefetto di Treviso dottoressa Maria Rosa Laganà,  il Direttore generale dell’Ulss 2 dottor Francecso Benazzi, il Direttore del Suem dottor Paolo Rosi.

 

In Italia circa 60.000 persone ogni anno vengono colpite da un arresto cardiaco extraospedaliero con una media di 164 persone al giorno; in  Europa invece circa 400.000 all’anno con una percentuale di sopravvivenza inferiore al 20%. Nel 70% dei casi l'arresto cardiaco avviene in presenza di testimoni ma la maggior parte di essi non conosce e quindi non mette in pratica le manovre di rianimazione cardiopolmonare (RCP). Questa, infatti, viene iniziata dai presenti solo in circa il 15% dei casi. Se la vittima di un arresto cardiaco venisse subito rianimata da parte degli astanti, le sue probabilità di sopravvivenza e di dimissione dall'ospedale con un buon risultato neurologico aumenterebbero significativamente. Se si riuscisse ad aumentare la percentuale di RCP da parte degli astanti dall'attuale 15% al 50-60% dei casi si potrebbero salvare circa 100.000 persone ogni anno in tutta Europa.

 

 In collaborazione con il Comune di Treviso, che ha concesso l’uso di Piazza Indipendenza ed Piazza Aldo Moro e della Protezione Civile del Comune di Montebelluna, convenzionata con l’Azienda ULSS 2 Marca Trevigiana,  verranno predisposti tendoni gonfiabili al cui interno verranno sviluppate diverse  aree tematiche :

 

Piazza Aldo Moro

Il soccorso nell’arresto cardiaco: Il cittadino ed il 1.1.8. dinamiche di chiamata e di relazione utente / operatore finalizzata al miglior utilizzo del Servizio e dell’inizio precoce delle manovre di RCP in caso di emergenza; i bambini e la RCP, illustrazione dei progetti di informazione e formazione del Servizio 1.1.8. presso le scuole primarie e le collaborazioni istituzionali in atto.

Progetto Regionale DAE: mappe di distribuzione dei DAE ad accesso pubblico nella provincia di Treviso e dinamiche di utilizzo da parte della popolazione; elenchi dei DAE distribuiti dalla Regione alle istituzioni ed alle Forze operanti.

 

Piazza Indipendenza

La Rianimazione cardiopolmonare pediatrica e la disostruzione delle vie aeree. Con la presenza di personale del 1.1.8. sarà possibile apprendere i prodromi della formazione alla rianimazione cardiopolmonare pediatrica e neonatale con esercitazione guidate su manichini e le manovre di disostruzione delle vie aeree in pazienti adulti e pediatrici.

 La Rianimazione cardiopolmonare nell’adulto. Con la presenza di personale del 1.1.8. sarà possibile apprendere i prodromi della formazione alla rianimazione cardiopolmonare ed all’utilizzo dei defibrillatori automatici esterni.


Altre Informazioni

Pubblicato da Ufficio Stampa ULSS 2 Marca trevigiana, il giorno 26 settembre 2018

Categorizzato in News, Istituzionale, Eventi, Salute, Sociale, Cronaca