Questo sito utilizza cookie per seguirti nei servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca sull'apposito bottone.

Cliccando OK acconsenti all'uso dei cookie.

Indietro

Presidente Zaia: "Sorrido insieme al paziente"

(n.172/2018) “Per la sanità veneta da oggi c’è un nuovo primato. Chirurghi di valore hanno ridato valore a una vita, perché non deve esistere una vita senza sorriso”.

Con queste parole, il Presidente della Regione del Veneto, Luca Zaia, esprime “apprezzamento e gratitudine” per un intervento di chirurgia plastica e ricostruttiva eseguito all’Ospedale Cà Foncello di Treviso che in otto ore, con cinque chirurghi contemporaneamente all’opera, ha “restituito” il sorriso a un paziente di 35 anni che nella sua esistenza non aveva mai potuto sorridere a causa di un deficit irreversibile del nervo facciale causato da un trauma da parto.

“Il primario Giorgio Berna e la sua equipe – aggiunge Zaia – non hanno compiuto solo un intervento di grande difficoltà che richiedeva professionalità e conoscenze scientifiche di livello mondiale, ma hanno contemporaneamente mandato anche un forte messaggio sul piano umano, dimostrando che l’umanizzazione in sanità non è fatta solo di rapporti tra medico e paziente, ma si realizza anche portando a termine un intervento così complesso e tecnicamente difficile ‘semplicemente’ per ridare un sorriso”.

“Sorrido assieme a questo giovane paziente e ai suoi medici– conclude Zaia – e sorrido con orgoglio perché, ancora una volta, un evento eccezionale è accaduto in un ospedale del Veneto”.


Altre Informazioni

Pubblicato da Ufficio Stampa ULSS 2 Marca trevigiana, il giorno 7 settembre 2018

Categorizzato in News, Istituzionale, Cronaca