Questo sito utilizza cookie per seguirti nei servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca sull'apposito bottone.

Cliccando OK acconsenti all'uso dei cookie.

Indietro

Sabato Focus al San Giacomo sulle neuropatie con esperti da tutta Italia

Subdole, lente ma invalidanti. Possono essere definite così le neuropatie, e cioè le patologie o le condizioni cliniche in grado di alterare la funzionalità dei nervi dell'organismo.
A queste malattie è dedicato l’incontro in programma sabato 30 novembre presso l’aula A dell’ospedale San Giacomo di Castelfranco Veneto: “Un altro appuntamento di valore al San Giacomo che sicuramente farà scuola” sottolinea Francesco Benazzi, direttore generale dell’Ulss 2 Marca trevigiana nel ringraziare gli organizzatori e i relatori. 
Un incontro per pazienti e medici organizzato dall’associazione CIDP Italia Onlus e dall’associazione ACMT-Rete per la malattia di Charcot-Marie-Tooth. Grazie al Reparto di Neurologia dell’Ospedale di Castelfranco Veneto (Treviso) e al patrocinio di Ulss 2 Marca trevigiana. Al centro dell’incontro sia le neuropatie ereditarie, con un’incidenza di 40 casi ogni 100.000 abitanti, che le disimmuni acquisite, con un'incidenza di 3-4 casi su 100.000. Si stima che in Italia ci siano circa 30.000 persone a soffrire di tali patologie.
Se per le prime le cause sono da ricercare nelle mutazioni o alterazioni del DNA, per le seconde, invece, la causa è rappresentata da un’aggressione del sistema immunitario contro gli antigeni del nervo periferico con varie manifestazioni cliniche, includendo oltre alla sindrome di Guillain-Barré (GBS) e la polineuropatia cronica infiammatoria demielinizzante (CIDP), la neuropatia motoria multifocale e la sindrome di Lewis Sumner.
L’appuntamento si aprirà con i saluti della dottoressa Alessandra Cappelletto, direttore della Direzione medica dell'ospedale di Castelfranco Veneto, del dottor Domenico Marco Bonifati, direttore dell’Unità operativa complessa di Neurologia Neurologia Osp. di Treviso, del dottor Bruno Marini, direttore facente funzione dell’Unità operativa complessa di Neurologia dell’ospedale di Castelfranco Veneto, e della dottoressa Lelli Stefania, responsabile dell’Unità operativa semplice di Neurofisiologia dell'Unità operativa complessa di Neurologia di Castelfranco Veneto.
Durante l’incontro interverrà la professoressa Chiara Briani, Clinica Neurologica dell’Università di Padova, con un intervento su diagnosi, terapie e prospettive future per le neuropatie infiammatorie. Il professor Gianmaria Fabrizi, Clinica Neurologica dell’Università di Verona, affronterà gli stessi temi ma per le neuropatie genetiche. La dottoressa Annamaria Ferrarini dell’Unità operativa complessa di Neurologia dell’ospedale di Treviso spiegherà come si ottiene l’esenzione per patologia rara .
Infine, spazio ai pazienti, con gli interventi di Moira Bressan per CIDP Italia APS (CIDP, Guillain-Barré, MMN, Lewis-Sumner) e di Emiliano Conte per ACMT RETE ODV (per la malattia di Charcot-Marie-Tooth).

CIDP Italia
CIDP Italia nasce come sito web nel 2009, e tre anni dopo viene creata la Onlus, con sede a Lecce: ha oggi circa 200 associati e quasi lo stesso numero di simpatizzanti. Una delle sue vittorie più importanti e più recenti è stata quella per l'inserimento nei nuovi Livelli Essenziali di Assistenza (LEA) di tutte le varianti di questo gruppo di malattie: non solo, quindi, la CIDP, già identificata con il codice di esenzione RF0180, ma anche la MMN (RF0181), la Lewis-Sumner (RF0182) e la Guillain-Barré (RF0183).

Associazione ACMT-Rete per la malattia di Charcot-Marie-Tooth
Nasce nel Giugno del 2001 con sede a San Lazzaro di Savena (BO) ma operante in tutto il territorio della Regione Emilia Romagna e in tutto il territorio della Nazione Italiana.
Opera per sviluppare l’incontro e il confronto fra le persone affette dalla malattia di Charcot-Marie-Tooth e i loro familiari, per promuovere progetti d’informazione e formazione per accrescere le competenze e le conoscenze relative al trattamento della malattia e di sindromi similari e per favorire la nascita di centri pubblici o convenzionati per la diagnosi e il trattamento, in grado di lavorare in collaborazione fra loro. Grazie all’associazione oggi esistono centri specializzati distribuiti in tutta Italia.


Altre Informazioni

Pubblicato da Ufficio Stampa ULSS 2 Marca trevigiana, il giorno 28 novembre 2019

Categorizzato in News, Istituzionale, Eventi, Salute, Sociale