Questo sito utilizza cookie per seguirti nei servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca sull'apposito bottone.

Cliccando OK acconsenti all'uso dei cookie.

Indietro

San Pelajo, l'Ulss 2 chiederà un ulteriore medico con vincolo di apertura nel quartiere

(n. 45/2020) In relazione all’articolo “San Pelajo si mobilita per il medico di base”, comparso oggi su un quotidiano locale l’Ulss 2 precisa quanto segue: 

La vigente normativa prevede che per ciascun ambito territoriale possa essere iscritto un medico ogni 1200 abitanti residenti e tale parametro è rispettato.

Nel quartiere di San Pelajo opera, in qualità di medico di Medicina Generale, il dott. Mauro Bolzan. Agli atti dell'Azienda non risulta alcuna comunicazione relativa ad un suo prossimo pensionamento.

Nel medesimo quartiere operava la dott.ssa Baldan, in un ambulatorio periferico. Tale ambulatorio periferico è stato di recente chiuso dalla dottoressa, che ha comunicato all'Azienda l'intenzione di  trasferire tutta l'attività presso la sede della medicina di gruppo sita in Strada Santa Bona Nuova.

Ai sensi dell'Accordo Collettivo Nazionale per la Medicina Generale l'apertura di un ambulatorio periferico costituisce una facoltà per il medico, che ha conseguentemente facoltà di chiuderlo.

Nella pubblicazione delle prossime zone carenti, che avverrà come previsto dal vigente Accordo Collettivo Nazionale per la Medicina Generale entro fine marzo, l’Ulss 2 terrà comunque conto delle istanze avanzate dai residenti di San Pelajo e verrà chiesto un medico con vincolo di apertura nel quartiere.


Altre Informazioni

Pubblicato da Ufficio Stampa ULSS 2 Marca trevigiana, il giorno 21 febbraio 2020

Categorizzato in News, Istituzionale, Salute, Sociale