Questo sito utilizza cookie per seguirti nei servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca sull'apposito bottone.

Cliccando OK acconsenti all'uso dei cookie.

Indietro

San Valentino prima esperienza di rete clinica chirurgica a Montebelluna

(n. 174/2020). Al San Valentino di Montebelluna la prima esperienza virtuosa di rete clinica chirurgica tra ospedali dell’Ulss 2 Marca trevigiana. Nelle scorse ore, infatti, sono state praticate l’asportazione di una voluminosa neoplasia epatica e l’asportazione di una neoplasia del rene destro nella stessa paziente, grazie alla equipe chirurgica dell’ospedale di Montebelluna, guidata dal direttore Maurizio De Luca per il fegato e alla equipe urologica dell’ospedale di Treviso, guidata dal direttore Mario Mangano, per quanto riguarda il rene. Equipe del Ca’ Foncello che ha raggiunto i colleghi a Montebelluna. Determinante l’interazione delle due direzioni mediche per garantire l’attuazione di questo delicato intervento chirurgico, in particolare il dr. Marco Morgante per la direzione medica dell’ospedale San Valentino e il dr. Stefano Formentini, direttore medico del Ca’ Foncello. La paziente, ancora ricoverata presso la chirurgia di Montebelluna, sta avendo un ricovero post operatorio regolare. 
“Questa è la migliore risposta frutto di una riorganizzazione ospedaliera capace di portare l’eccellenza sanitaria dalla persona che ne ha necessità e urgenza – sottolinea Francesco Benazzi, direttore generale dell’Ulss 2 Marca trevigiana - Il caso clinico era stato discusso nelle consuete riunioni multidisciplinare in ambito di rete clinica, dove si è concordato di attuare la doppia asportazione. Da qui la decisione di inviare l’equipe medica urologica del Ca’ Foncello a Montebelluna senza spostare la paziente. Paziente che già si trovava in un ospedale come quello di Montebelluna che ha dei chirurghi eccellenti. Complimenti a tutti i protagonisti di questa significativa collaborazione che sarà sempre più la normalità”. 
“Negli ultimi due mesi, quindi in piena pandemia, sono stati regolarmente effettuati interventi oncologici presso i nostri ospedali – afferma il direttore delle chirurgie di Montebelluna e Castelfranco Veneto,  Maurizio De Luca - Anche interventi oncologici con asportazioni multiple di organi per presenza contemporanea di più neoplasie nello stesso paziente. Interventi che sono stati praticati con metodiche mini-invasive per garantire  una rapida ripresa del paziente e ottimale stato immunitario, parametri particolarmente importanti, specie in corso di pandemia Covid. Per ora questa efficiente coordinazione ha dimostrato di dare buoni risultati e la maggioranza dei pazienti oncologici operati sono già stati dimessi. Infine, anche le riunioni del G.I.O. - Gruppo Interdisciplinare Oncologico Distretto di Asolo – effettuate ogni mercoledì pomeriggio, sono sempre state garantite. I colleghi coinvolti sono gli oncologi, pneumologi, gastroenterologi, radiologi (che consentono anche il collegamento web dei due ospedali), medici nucleari e anatomo-patologi, insieme a noi chirurghi, e tutti non hanno mai perso l’attenzione sulla problematica oncologica”.

Altre Informazioni

Pubblicato da Ufficio Stampa ULSS 2 Marca trevigiana, il giorno 16 maggio 2020

Categorizzato in News, Istituzionale, Salute, Emergenze, Sociale