Questo sito utilizza cookie per seguirti nei servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca sull'apposito bottone.

Cliccando OK acconsenti all'uso dei cookie.

Indietro

Stagione dei funghi. Perizie gratuite al Dipartimento di Prevenzione

(n.161/2018) Con la stagione dei funghi, l’Ulss 2 Marca Trevigiana assicura come ogni anno, il controllo sulla commestibilità dei funghi freschi raccolti dai privati. Le perizie sono gratuite, proseguiranno fino al termine della stagione di raccolta e vengono effettuate da personale con qualifica di esperto micologo presso il Dipartimento di Prevenzione (Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione), sede La Madonnina in via Castellana 2 a Treviso,  ogni giorno dal lunedì al venerdì dalle  12.30 alle 13.00. 
Gli ispettori micologi forniscono ai privati che raccolgono funghi per il proprio consumo una consulenza finalizzata al riconoscimento delle specie raccolte e alla determinazione della commestibilità. Per agevolare il riconoscimento, l’utente deve separare i diversi tipi di funghi trasportandoli in contenitori rigidi e forati (non in sacchetti di plastica). E’ importante che venga esaminato l’intero quantitativo raccolto: all’utente sarà quindi rilasciato l’esito del controllo micologico con la valutazione di commestibilità. 
Nell’anno 2017 gli ispettori micologi hanno effettuato circa 500 perizie.  Si raccomanda di non fidarsi delle credenze popolari o di metodi empirici per valutare la tossicità dei funghi raccolti.  L’unico metodo sicuro per l’identificazione delle specie commestibili è la classificazione sulla base delle loro caratteristiche, eseguita da personale appositamente formato. La maggior parte delle intossicazioni è determinata da funghi velenosi raccolti da persone inesperte ma, anche, da funghi generalmente commestibili, raccolti in luoghi inidonei o cucinati in modo non appropriato. E’ dunque opportuno sottoporre a controllo micologico tutti i funghi freschi raccolti, prima di consumarli, in modo da avere la certezza che si tratti di specie commestibili. 
I funghi da sottoporre a controllo micologico devono essere:
freschi, sani ed in buono stato di conservazione;
interi (non recisi o tagliati, spezzettati, lavati, raschiati o comunque privi di parti essenziali per il  riconoscimento);
puliti da terriccio, foglie e/o altri corpi estranei.

Altre Informazioni

Pubblicato da Ufficio Stampa ULSS 2 Marca trevigiana, il giorno 24 agosto 2018

Categorizzato in News, Istituzionale, Salute, Cronaca