Questo sito utilizza cookie per seguirti nei servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca sull'apposito bottone.

Cliccando OK acconsenti all'uso dei cookie.

Indietro

Banca del plasma, prima donazione al Ca' Foncello di paziente guarita dal Covid

(n. 184/2020) Prima donazione di plasma, stamane al Centro Trasfusionale del’Ospedale Ca’ Foncello di Treviso, di una paziente guarita dal Covid-19.   
“Ai pazienti guariti che stanno accogliendo l’invito del Presidente Zaia a donare il plasma va il nostro più sentito ringraziamento – ha sottolineato il direttore generale dell’Ulss 2, Francesco Benazzi -. Il loro gesto potrà rivelarsi importantissimo, nel caso di una recrudescenza della pandemia che ci auguriamo non arrivi ma che dobbiamo essere pronti ad affrontare. Laddove è stata sperimentata, questa metodica ha dato, infatti, risultati che lasciano ben sperare.  Per questo rinnoviamo l’invito a tutti i nostri pazienti guariti, che hanno ricevuto la lettera nelle scorse settimane a mettersi in contatto con il Centro Trasfusionale del nosocomio trevigiano per rendersi disponibili per la donazione”.  
Il Veneto ha attivato, primo a livello nazionale, la banca del plasma, invitando alla donazione tramite lettera circa 3.000 pazienti guariti dal Covid-19. Le lettere, spedite l’11 maggio, contenevano l’invito a recarsi a donare il sangue per la creazione, nel più breve tempo possibile, della banca del plasma voluta dal Presidente Zaia, dopo che la sperimentazione della terapia con plasma iper-immune su un panel di ricoverati condotta dalla dottoressa Giustina De Silvestro, Direttore dell'Unità operativa immunotrasfusionale dell'Azienda Ospedaliera di Padova, ha evidenziato un netto miglioramento delle condizioni cliniche dei pazienti .
Nella realizzazione della banca del plasma sono stati coinvolti, nel territorio regionale, sette Servizi di Medicina Trasfusionale, tra cui quello del Ca’ Foncello, appositamente dotato di congeolatori dedicati. 
“Come è noto non vi sono ad oggi terapie eziologiche di provata efficacia per contrastare l’infezione SARS-Cov-2, agente responsabile della malattia denominata Covid-19 – spiega il primario del Centro Trasfusionale, Arianna Veronesi -. L’immunoterapia passiva, utilizzando il “plasma iperimmune” donato da pazienti guariti, appare una delle terapie più razionali e promettenti. In letteratura, infatti, il plasma iperimmune è stato usato per il trattamento di infezioni virali epidemiche quali la MERS e la malattia di Ebola. La terapia con plasma da convalescenti prevede, nello specifico, il prelievo del plasma da persone guarite dal Covid-19 e la sua successiva somministrazione (dopo una serie di test di laboratori volti a garantirne il più elevato livello di sicurezza per il ricevente) a pazienti affetti da COVID-19 come mezzo per trasferire questi anticorpi anti-SARS-Cov-2, sviluppati dai pazienti guariti a quelli con infezione in atto”.

Risorse Correlate
Altre Informazioni

Pubblicato da Ufficio Stampa ULSS 2 Marca trevigiana, il giorno 29 maggio 2020

Categorizzato in News, Istituzionale, Salute, Emergenze, Sociale