Questo sito utilizza cookie per seguirti nei servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca sull'apposito bottone.

Cliccando OK acconsenti all'uso dei cookie.

Indietro

Congresso Nazionale di Chirurgia coordinato dal Distretto Asolo

(n. 185/2020) Entra nel vivo il seminario nazionale on line targato Distretto Asolo – Ulss 2 Marca trevigiana.  Si tratta del Congresso Nazionale Chirurgico che si sta svolgendo in più sessioni via web. Il coordinatore nazionale dell’evento, promosso dalla Società Italiana di Chirurgia Metabolica, è, infatti, Maurizio De Luca, direttore dei reparti di Chirurgia dell’Ospedale di Montebelluna e dell’Ospedale di Castelfranco Veneto.
I webinar sono in diretta e si stanno sviluppando grazie a 7 appuntamenti a cadenza settimanale (ogni lunedì dalle ore 17.30 alle ore 19.00) nei mesi di Maggio e Giugno 2020. 
“Questi appuntamenti confermano che la nostra Azienda esprime grande qualità riconosciuta a livello nazionale – sottolinea Francesco Benazzi, direttore generale dell’Ulss 2 Marca trevigiana – Si tratta di appuntamento di grande spessore formativo e divulgativo visti i relatori presenti e sono davvero orgoglioso anche dei contributi ai lavori dei nostri professionisti”.     
Il primo appuntamento si è tenuto Lunedì 18 maggio ed è stato un grande successo con 242 medici connessi all’evento. “Ad oggi sono pervenute 310 iscrizioni – spiega Maurizio De Luca - pertanto pensiamo che nei prossimi appuntamenti il numero degli iscritti aumenterà ulteriormente. L’interesse è notevole”. 
I temi del seminario sono sostanzialmente cinque: il virus SARS-COV-2 e sue implicazioni virologiche, cliniche ed epidemiologiche; la chirurgia d’urgenza, oncologica, funzionale e metabolica in Fase 2 della pandemia COVID; i percorsi diagnostici e terapeutici intra ed extra-ospedalieri per garantire sicurezza per i pazienti e per gli operatori sanitari; la gestione degli effetti psicologici e psichiatrici sulla popolazione e sul personale sanitario; come investire le risorse sanitarie in Fase 2 della pandemia.
Sono presenti come relatori virologi, infettivologi, microbiologi, igienisti, epidemiologi, chirurghi, psichiatri, psicologi, dietologi ed economisti. Sono prevalentemente docenti universitari e direttori di unità operative ospedaliere (vedi opuscolo allegato). “Nel panel di relatori abbiamo rappresentato tutte le regioni italiane lasciando maggiore spazio a colleghi che lavorano nelle regioni più colpite dalla pandemia – continua De Luca – Devo dire che la dott.ssa Lorena Zardo, responsabile del Laboratorio Analisi dell’Ospedale di Castelfranco Veneto, ha presentato nell’evento inaugurale del 18 Maggio, una relazione di alto valore scientifico che ha generato e continua a generare tanto interesse e numerose domande da tanti colleghi di tutte le regioni. Voglio, infine, ringraziare la società scientifica per il delicato ruolo di coordinatore nazionale che mi ha affidato su un tema così importante. 

Risorse Correlate
Altre Informazioni

Pubblicato da Ufficio Stampa ULSS 2 Marca trevigiana, il giorno 30 maggio 2020

Categorizzato in News, Istituzionale, Salute, Emergenze, Sociale