Questo sito utilizza cookie per seguirti nei servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca sull'apposito bottone.

Cliccando OK acconsenti all'uso dei cookie.

Indietro

Primo giorno dopo la ricetta rossa, senza problemi.

02-09-2014
(n.118/2014) "Tanto tuonò che non piovve; e non è una polemica, ma un motivo di soddisfazione per il buon esito complessivo del primo giorno di un'innovazione epocale, come la scomparsa della ricetta rossa per le prescrizioni farmaceutiche e l'informatizzazione del procedimento. Abbiamo buoni riscontri pressoché da tutto il territorio e, dove sono emersi o emergeranno problemi ci attiveremo per risolverli".

Con queste parole l'Assessore alla Sanità della Regione del Veneto Luca Coletto commenta i ritorni del primo giorno (ieri) nel quale in tutto il territorio si è passati alla cosiddetta "ricetta rossa dematerializzata", ottenuta grazie ad un innovativo sistema informatico, elaborato dal Consorzio Arsenàl.it per l'informatizzazione della sanità veneta, che mette in collegamento medici di medicina generale e farmacie.

"Tutte le innovazioni - dice Coletto - implicano dei cambiamenti nei modelli organizzativi e nelle modalità di lavoro dei protagonisti, per cui sono grato ai medici di base e ai farmacisti per il notevole sforzo che hanno fatto e stanno facendo. Sono grato anche a chi ci segnalerà intoppi o malfunzionamenti, sui quali siamo assolutamente pronti a intervenire se solo possibile. Qualche timore e lamentela dei giorni scorsi - aggiunge - hanno avuto un po' il sapore della resistenza preconcetta al cambiamento; anche questi atteggiamenti erano messi in preventivo, ma sono delle eccezioni. La regola è che tutti hanno contribuito a questa innovazione e che l'avvio è stato positivo".

"Innovazioni come questa - fa notare Coletto - di fatto abbattono burocrazia e relativi costi. Nel caso della ricetta rossa 3.244.901 euro l'anno rimarranno nelle tasche dei Veneti o potranno essere usati per le cure e in prospettiva il cittadino non dovrà più recarsi nemmeno fisicamente dal medico, se non per una visita, perché le prescrizioni ripetute potranno viaggiare via mail, e alla fine al cittadino basterà presentarsi in farmacia con la tessera personale. Innovazione e riorganizzazione sono di fatto il nostro sistema di autofinanziamento che va a sostituire quella tassa odiosa che è l'addizionale Irpef sulla sanità, che il Veneto non ha mai messo - commenta con una punta d'orgoglio Coletto. Siamo l'unica Regione d'Italia a non averla imposta ai propri cittadini e ci stiamo riuscendo da 4 anni proprio grazie al lavoro quotidiano su innovazione e riorganizzazione!".

"Non dimentichiamo poi - prosegue l'Assessore - che il sistema informatizzato consente di abbattere tendenzialmente a zero il rischio di errore o equivoco nella lettura della ricetta da parte del farmacista, e questo a tutto vantaggio del paziente sia in termini di sicurezza che di minori disagi in caso di errore".

L'entrata in vigore delle nuove modalità operative è stata preceduta da una campagna di informazione e incontri che ha coinvolto i medici di medicina generale, i pediatri di libera scelta e i farmacisti. Da gennaio 2014 sono stati incontrati 4.040 operatori (2.492 medici, 438 pediatri e 1.100 farmacisti).
Per ciascun medico, la Giunta regionale ha anche stanziato, con la delibera 1753/2013, un rimborso spese di 565 euro l'anno, relativo ai costi per la cancelleria e le stampanti.

 


Altre Informazioni

Pubblicato da Ufficio Stampa Regione Veneto, il giorno 8 settembre 2014

Categorizzato in News