Questo sito utilizza cookie per seguirti nei servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca sull'apposito bottone.

Cliccando OK acconsenti all'uso dei cookie.

ATTUALMENTE È ATTIVA SOLTANTO LA SORVEGLIANZA SANITARIA PER EX ESPOSTI AD AMIANTO (ASBESTO).

Lo scopo è quello di individuare i soggetti che sono stati esposti ad amianto nel passato, gli ambienti di lavoro, le lavorazioni e le mansioni che sono state la fonte di esposizione.
La procedura prevede:

  • follow-up delle malattie asbesto correlate
  • diagnosi precoce del tumore polmonare associato all'esposizione all'asbesto
  • avvio dell'iter per il riconoscimento di malattia professionale
  • counseling di prevenzione primaria sull'abitudine al fumo o su altri determinanti di rischio respiratorio
  • studi epidemiologici

Normativa di riferimento

Allegato A alla DGR n.2041 del 22 luglio 2008 e successive integrazioni

Campo di applicazione

Sono inclusi nel protocollo di sorveglianza sanitaria i soggetti che abbiano avuto esposizione ad amianto per almeno un anno (indipendentemente dalla dose stimata con i questionari in uso) e nei settori (mansioni) riconosciuti come fonti significative di esposizione. La richiesta viene presentata direttamente dall'interessato o da terzi con il consenso del lavoratore.
Può riguardare:

  • un ex lavoratore anche se già in pensione.
  • un lavoratore dipendente o autonomo ancora in attività lavorativa ma non più esposto ad amianto.

Prestazioni erogate

I lavoratori ex esposti ricevono le seguenti prestazioni con esenzione ticket:

  • stima dell'esposizione, raccolta dell'anamnesi e visita medica
  • esami integrativi secondo il protocollo di cui all'allegato A alla DGR n.2041 del 22 luglio 2008; vi sono inclusi i seguenti esami:
    • accertamenti radiologici (radiografia del torace o TAC spirale), soltanto su indicazione clinica (sintomi e/o obiettività positiva per problemi a carico dell'apparato respiratorio).
    • altri accertamenti (esami ematoclinici o strumentali) o visite specialistiche (Otorinolaringoiatrica, Pneumologica) se indicate dalla situazione clinica.
    • controllo successivo, a richiesta dell'interessato, con periodicità triennale (o diversa in caso di necessità o comunque alla comparsa di sintomi e segni suggestivi di patologia).