Questo sito utilizza cookie per seguirti nei servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca sull'apposito bottone.

Cliccando OK acconsenti all'uso dei cookie.

Informazioni generali
Il test impiegato per lo screening del tumore della mammella è la mammografia, ovvero una radiografia della mammella.
La mammografia viene eseguita su entrambe le mammelle. L'esame si esegue appoggiando la mammella su un piano, dove viene leggermente compressa e radiografata in senso orizzontale e in senso verticale. L’esame di solito non è doloroso e non è associato ad alcun rischio per la salute dato che le dosi di radiazioni emesse sono molto basse.
Nel programma di screening l'esame viene eseguito da un tecnico radiologo specializzato e successivamente esaminato da due medici radiologi che potranno decidere, se necessario, di completare l'esame con altre indagini, anche queste gratuite e organizzate dal programma.
Secondo l'esperienza scientifica la mammografia è l'indagine più affidabile per la diagnosi precoce dei tumori della mammella, specialmente nelle donne sane tra i 50 e i 74 anni. Come ogni esame presenta dei limiti, per cui è importante continuare a controllare regolarmente il proprio seno e rivolgersi al medico curante nel caso si dovesse notare qualcosa di insolito anche dopo un test di screening negativo.


A chi è rivolto
Donne tra i 50 e i 74 anni in cui la malattia non si sia già manifestata


Modalità di accesso
Il Servizio Screening invia una lettera di invito nella quale sono spiegate le due modalità disponibile per prenotare l'appuntamento:
1. accedere al PORTALE SCREENING della Regione Veneto https://screening.azero.veneto.it utilizzando il proprio Codice Fiscale e la password personale fornita nella lettera di invito
2. telefonare al numero indicato nell'invito, negli orari indicati.

L'esame è gratuito e non è necessaria l'impegnativa del medico curante.   

Guida al PORTALE SCREENING.

Periodicità
La mammografia, se negativa, viene ripetuta ogni 2 anni.

Esami di approfondimento
Uno dei possibili esami di approfondimento successivi alla mammografia è l’ecografia. Una metodica indolore che dura solo qualche minuto. Di solito si esegue quando la mammella è troppo densa per essere ben visualizzata alla mammografia. Si usa anche per vedere se un nodulo è solido o contiene liquido (cisti).