Home > Le nostre sedi > Distretti > Distretto Treviso Sud > Cure Primarie - Treviso Sud

Treviso
Segreteria 0422 32 33 89
cureprimariesudadi@aulss2.veneto.it
Borgo Cavalli 42
31100 - Treviso
Orario Segreteria
lunedì - dalle ore 08:00 alle 14:00
martedì - dalle ore 08:00 alle 14:00
mercoledì - dalle ore 08:00 alle 14:00
giovedì - dalle ore 08:00 alle 14:00
venerdì - dalle ore 08:00 alle 14:00
sabato - Chiuso
domenica - Chiuso
Vedi tutti gli orari Chiudi tutti gli orari

Ai pazienti in carico ADI viene data un'informativa con un numero di telefono dedicato da chiamare dalle 07.00 alle 21.00

Al di fuori di quell'orario, in caso di necessità, è possibile contattare la Continuità Assistenziale (ex Guardia Medica).

Nei casi di urgenza/emergenza va invece contattato telefonicamente il 118.

Casale sul Sile
Segreteria 0422 78 73 48
cureprimariesudadi@aulss2.veneto.it
Via G. Falcone 3
31032 - Casale sul Sile
Piano 0
Orario Segreteria
lunedì - dalle ore 08:00 alle 16:00
martedì - dalle ore 08:00 alle 16:00
mercoledì - dalle ore 08:00 alle 16:00
giovedì - dalle ore 08:00 alle 16:00
venerdì - dalle ore 08:00 alle 16:00
sabato - Chiuso
domenica - Chiuso
Vedi tutti gli orari Chiudi tutti gli orari

Ai pazienti in carico ADI viene data un'informativa con un numero di telefono dedicato da chiamare dalle 07.00 alle 21.00

Al di fuori di quell'orario, in caso di necessità, è possibile contattare la Continuità Assistenziale (ex Guardia Medica).

Nei casi di urgenza/emergenza va invece contattato telefonicamente il 118.

Roncade
Segreteria 0422 70 70 50
cureprimariesudadi@aulss2.veneto.it
Via San Rocco 8
31056 - Roncade (TV)
Piano 0
Orario Segreteria
lunedì - Chiuso
martedì - Chiuso
mercoledì - Chiuso
giovedì - Chiuso
venerdì - dalle ore 08:00 alle 14:00
sabato - Chiuso
domenica - Chiuso
Vedi tutti gli orari Chiudi tutti gli orari

Ai pazienti in carico ADI viene data un'informativa con un numero di telefono dedicato da chiamare dalle 07.00 alle 21.00

Al di fuori di quell'orario, in caso di necessità, è possibile contattare la Continuità Assistenziale (ex Guardia Medica).

Nei casi di urgenza/emergenza va invece contattato telefonicamente il 118.

Direzione
foto_utente
BACCAGLINI KAREEN Direttore
CV
foto_utente
CIUFFETTI NICOLETTA Coordinatore
CV
Equipe
foto_utente
AGNOLETTO NICOLA Medico
foto_utente
AMICO IRENE Medico
foto_utente
ARTUSO LUCA Medico
foto_utente
BELLONI ALESSANDRO Medico
foto_utente
BENORI VALERIO Medico
foto_utente
BERNARDI GIULIA Medico
foto_utente
BORGHETTO GIULIA Medico
foto_utente
CASTIELLO JACOPO Medico
foto_utente
DALTO FRANCESCO Medico
foto_utente
DARIOL GAIA Medico
foto_utente
DE LAZZARI MANUELA Medico
foto_utente
FANTON ELENA Medico
foto_utente
GALEAZZI GIOVANNI Medico
foto_utente
GHILARDI LUCREZIA Medico
foto_utente
KUETE KANAH WILFRIED TREPIN Medico
foto_utente
MALERBA MASSIMILIANO Medico
foto_utente
MARTINI NICOLO' Medico
foto_utente
MENEGHIN NICOLA Medico
foto_utente
MORAO GIULIO Medico
foto_utente
NIERO LEONARDO Medico
foto_utente
PIEROBON BEATRICE Medico
foto_utente
RADU EUGENIA Medico
foto_utente
RIGO EMANUELA Medico
foto_utente
RINALDI FILIPPO Medico
foto_utente
ROMANO GAETANO PAOLO Medico
foto_utente
SARTOR GIAN LUCA Medico
foto_utente
SEGRETO ALESSANDRO Medico
foto_utente
SPAMPINATO GOTSYAK LILIYA Medico
foto_utente
TOLA ARTAN Medico
foto_utente
TUICOVA TATIANA Medico
foto_utente
VISENTIN ANDREA Medico
foto_utente
ZANANDREA VALERIA Medico
foto_utente
ZARDETTO ALBERTO Medico
foto_utente
BORTOLATO MILENA Assistente Sociale
foto_utente
BARNABA CLAUDIA Infermiere
foto_utente
BEZZI SILVIA ALESSIA Infermiere
foto_utente
BOT CLAUDIA Infermiere
foto_utente
BRUGNARO CHIARA Infermiere
foto_utente
BRUNELLO VANIA Infermiere
foto_utente
BUORA ANTONELLA Infermiere
foto_utente
BURATTO ROSSANA Infermiere
foto_utente
BUZUK LUCIJA Infermiere
foto_utente
CALDATO GIULIA Infermiere
foto_utente
CALENDA SIMONE Infermiere
foto_utente
CARNIO CHRISTIAN Infermiere
foto_utente
CARPIN ANNALISA Infermiere
foto_utente
CARRARO CHIARA Infermiere
CV
foto_utente
CASAGRANDE CINZIA Infermiere
foto_utente
CHINELLATO MONIA Infermiere
foto_utente
CITTON MARZIA Infermiere
foto_utente
COSTANTINI RENZO Infermiere
foto_utente
DE PIN GIULIA Infermiere
foto_utente
GIACOMIN BARBARA Infermiere
foto_utente
GORZA BARBARA Infermiere
foto_utente
LEVADA OMAR Infermiere
foto_utente
MAZZORANA ELVIRA Infermiere
foto_utente
PETTINO JESSICA Infermiere
foto_utente
PIOVESAN LISA Infermiere
foto_utente
RIBELLI GIOVANNA Infermiere
foto_utente
RIGO FRANCESCA Infermiere
foto_utente
ROZWANDOWICZ AGNIESZKA BEATA Infermiere
foto_utente
SCOMPARIN SARA Infermiere
foto_utente
SPIGARIOL PAOLO Infermiere
foto_utente
STEVANATO SUSANNA Infermiere
foto_utente
TONETTO LUCIA Infermiere
foto_utente
TONON CHRISTIAN Infermiere
foto_utente
TONON GIACOMIN ILENIA Infermiere
foto_utente
TOZZATO MARTINA Infermiere
foto_utente
TREVISI LUIGI Infermiere
foto_utente
VANIN STEFANIA Infermiere
foto_utente
VIALE MARTA Infermiere
foto_utente
VIANELLO MARTA Infermiere
foto_utente
VIOLA ANNA Infermiere
foto_utente
BIANCO ROSANNA Oss
foto_utente
CAPETTI STEFANIA Oss
foto_utente
VIANELLO MANOLA Oss

Cosa sono le Cure Primarie

L’assistenza primaria costituisce il primo livello attraverso il quale Lei e la sua famiglia entrate in contatto con il Sistema Sanitario Nazionale. Si propone quale nodo nella rete dei servizi che mira a fornire risposta ai bisogni di salute del cittadino e della collettività in un’ottica di prossimità.

Ci differenziamo dalle cure ospedaliere in quanto, oltre a curare le malattie, lavoriamo per prevenirne l’insorgenza tramite una “promozione attiva” della salute ed il rafforzamento delle risorse del singolo, del caregiver e della famiglia.

L’UOC Cure Primarie si fa garante della continuità dell’assistenza e delle cure h 24, 7gg/7 assicurando l’integrazione funzionale tra Medicina di famiglia, Continuità Assistenziale e la Specialistica, operando mediante un approccio trasversale che tende all’armonizzazione di tutte le iniziative volte alla presa in carico, in una logica di rete, favorendo la sinergia intersettoriale tra tutti i professionisti coinvolti. Il servizio si occupa anche del coordinamento sanitario delle strutture di ricovero intermedie (Ospedali di Comunità e Unità Riabilitative Territoriali), delle strutture residenziali e semiresidenziali extra-ospedaliere per garantire uniformità di percorsi e di implementazione di procedure condivise e basate sull’evidenza.


Cosa comprendono
  • Cure domiciliari 
  • Assistenza della Medicina Generale
  • Assistenza Pediatrica
  • Continuità Assistenziale 
  • Transizioni del paziente fragile tra luoghi di cura diversi per garantire la continuità dell'assistenza
  • Coordinamento delle strutture residenziali e semi-residenziali
  • Assistenza protesica

A chi si rivolgono
  • A tutta la popolazione di ogni fascia di età con bisogni socio-sanitari o di prevenzione
  • A pazienti con bisogno di Cure Palliative oncologiche e non oncologiche

Come attivare il servizio
Per attivare il servizio è necessario rivolgersi al Punto di Cure Domiciliari del Distretto (Treviso, Casale sul Sile e Roncade) consegnando la richiesta di presa in carico per l’Assistenza Domiciliare redatta dal Medico curante o dal Pediatra di Libera Scelta. Diversamente per l’assistito ricoverato in Ospedale sarà il reparto di degenza ad inviare una segnalazione di dimissione protetta alla Centrale Operativa Territoriale per individuare congiuntamente il setting più appropriato per l’assistito e la sua famiglia.

Caratteristiche distintive

L’Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) si fa carico dei bisogni di salute della persona e della famiglia secondo un approccio proattivo e di prossimità. 

Offre all’assistito un insieme di interventi clinici, assistenziali, riabilitativi e palliativi resi a domicilio secondo un progetto assistenziale individuale predisposto dalle figure professionali coinvolte nella gestione del singolo caso.

Ciò permette di salvaguardare la persona garantendogli la permanenza all’interno del nucleo familiare e della propria residenza durante il processo di cure.

In presenza di bisogni di tipo socio-assistenziale l’offerta distrettuale potrà essere integrata dai servizi sociali dei singoli Comuni anche con interventi di Assistenza Domiciliare.

L'ULSS2 ha prodotto dei video tutorial per supportare le persone prese in carico e i care giver nel loro impegno. Sono pensati per essere una fonte di consultazione e dimostrazione pratica per le attività quotidiane di cura e assistenza. Possono essere visualizzati all'interno della nostra WebTV dell'ULSS2.


A chi è rivolta

L’ADI è rivolta a tutti i cittadini presenti nel territorio del Distretto di Treviso Sud, non autosufficienti, che non sono in grado di spostarsi da casa né da soli né con l’aiuto di altre persone e che necessitano di cure sanitarie domiciliari per problemi di salute trattabili in ambiente non ospedaliero. 

Il servizio svolge anche attività di prevenzione, controllo e monitoraggio delle persone con fragilità anche in assenza di una disabilità e/o disfunzionalità conclamata, promuovendo la capacità di auto cura.


Finalità

L’ADI ha lo scopo di promuovere e mantenere la salute  e la qualità di vita delle persone fragili o non autosufficienti così da mantenerle il più a lungo possibile nel loro ambiente di vita o facilitandone il rientro a domicilio dopo un ricovero, valorizzando e sostenendo le risorse della rete familiare e sociale.

Il Servizio si impegna a perseguire i seguenti obiettivi: 

  • Sostenere l’assistito e la famiglia
  • Rendere sicuro l’ambiente di vita
  • Perseguire/assicurare la continuità terapeutica 
  • Promuovere le capacità di autocura
  • Promuovere l’integrazione tra i professionisti, i servizi della rete e le risorse del territorio

Come attivare il servizio

Per attivare il servizio è necessario rivolgersi al Punto di Cure Domiciliari del Distretto (Treviso, Casale sul Sile e Roncade) consegnando la richiesta di presa in carico per l’Assistenza Domiciliare redatta dal Medico curante o dal Pediatra di Libera Scelta. Diversamente per l’assistito ricoverato in Ospedale sarà il reparto di degenza ad inviare una segnalazione di dimissione protetta alla Centrale Operativa Territoriale per individuare congiuntamente il setting più appropriato per l’assistito e la sua famiglia.


Il metodo e l'organizzazione

Il modello organizzativo, in un’ottica di continuità assistenziale, si fonda su una forte integrazione tra i servizi e le diverse professionalità della rete socio-sanitaria. Queste concorrono con pari dignità alla definizione di un progetto assistenziale terapeutico, riabilitativo o palliativo orientato agli esiti di salute e alla qualità di vita. 

La valutazione dei bisogni è di tipo multidimensionale e multiprofessionale, riguarda gli aspetti sanitari, psico-sociali, socio-economici dell’assistito e si avvale di strumenti validati utili ad intercettare precocemente i rischi e le alterazioni della salute, ma anche le potenzialità della persona segnalata al servizio.

In un’ottica di alleanza terapeutica, gli interventi assistenziali, in modo particolare quelli infermieristici, prevedono il coinvolgimento attivo della persona e/o famiglia e/o comunità, sono orientati al mantenimento, promozione e recupero delle funzionalità della persona presa in carico, alla promozione delle capacità di autocura della persona e della famiglia e all’accompagnamento nelle fasi finali della vita.


Servizi offerti a domicilio
  • Visite  programmate  del proprio medico curante
  • Visite medico-specialistiche 
  • Interventi  infermieristici 
  • Interventi riabilitativi 
  • Interventi psicologici

Team di lavoro

L’Assistenza domiciliare Integrata prevede il coinvolgimento di una équipe multi-professionale costituita da: 

  • Medico di Medicina Generale (MMG e PLS ) 
  • Infermiere 
  • Medico Specialista
  • Medico Fisiatra
  • Tecnico della Riabilitazione 
  • Psicologo 
  • Operatore Socio Sanitario 

Possono essere attivate altre figure professionali in base ai bisogni e alle vulnerabilità dell’assistito e della sua famiglia, in relazione agli obiettivi concordati e condivisi.

Ultimo aggiornamento: 04/10/2023
Il documento è stato elaborato da un gruppo multiprofessionale dell'Unità Operativa e dall'Ufficio Relazioni con il Pubblico