Questo sito utilizza cookie per seguirti nei servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca sull'apposito bottone.

Cliccando OK acconsenti all'uso dei cookie.

Informazioni generali
Il test impiegato per lo screening del tumore al colon è la ricerca del sangue occulto nelle feci, che permette di individuare l’eventuale presenza nelle feci di sangue invisibile a occhio nudo.
Si esegue raccogliendo un campione di feci in un apposito flacone, successivamente analizzato in laboratorio.
Come tutti gli esami di screening presenta dei limiti, perciò se si notano perdite di sangue con le feci o cambiamenti nelle abitudini dell'intestino è importante rivolgersi al medico curante, anche se si è già eseguito un test di screening con risultato negativo. Tuttavia è scientificamente provato che l'esecuzione ogni 2 anni della test della ricerca del sangue occulto nelle feci (FOBT) può salvare molte vite: si possono diagnosticare tumori allo stadio iniziale, e quindi più facilmente guaribili, o asportare polipi prima che diventino tumori. 

A chi è rivolto
Uomini e donne tra i 50 e i 69 anni

Modalità di accesso
Le persone vengono invitate con una lettera in cui è specificato il giorno, l’ora e la sede per il ritiro della provetta.
L’esame  viene eseguito a casa propria raccogliendo un piccolissimo campione di feci attenendosi alle istruzioni fornite con la provetta.
La provetta verrà poi riconsegnata nel luogo e negli orari indicati nella lettera di invito.
Il test immunologico non richiede, come nel passato, una particolare dieta nei giorni che precedono il prelievo o la ripetizione del campione per tre giorni di seguito.
L'esame è gratuito e non è necessaria l'impegnativa del medico curante.

Periodicità
L’esame della ricerca del sangue occulto nelle feci viene ripetuto ogni 2 anni.

Se il test è positivo: esami di approfondimento
Nella maggior parte dei casi, circa il 95%, il risultato del test è negativo. Nel caso risulti positivo, può essere dovuto a ragadi, emorroidi o diverticoli. E' possibile, però, che il sanguinamento sia causato da polipi e in qualche caso da tumori maligni; per questo motivo è necessario eseguire una colonscopia di approfondimento, gratuita e organizzata dal programma di screening. 
La colonscopia è un esame diagnostico volto ad esplorare le pareti interne del colon, per scoprire eventuali lesioni, ulcerazioni, masse tumorali. È un importante strumento di prevenzione, che permette di individuare e, se necessario, rimuovere all'istante, dei tumori anche molto piccoli e in fase iniziale, impedendone lo sviluppo e la degenerazione.