Questo sito utilizza cookie per seguirti nei servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca sull'apposito bottone.

Cliccando OK acconsenti all'uso dei cookie.

“…la realizzazione del programma di lavoro previsto dal “Percorso Attuativo di Certificabilità (PAC)” dei dati e dei bilanci delle aziende e degli enti del SSN rappresenta un fondamentale strumento di controllo e di riduzione del rischio di frode amministrativo-contabile in sanità. Pertanto è importante la sua completa implementazione, che passa attraverso un processo di “miglioramento ” dell’organizzazione e dei sistemi amministrativo contabili…”.

Documento Autorità Nazionale Anticorruzione aggiornato al 2015 nella sezione approfondimento Sanità.
I Decreti Ministeriali 17 settembre 2012 e 1 marzo 2013 hanno avviato il Percorso Attuativo della Certificabilità (PAC) con l’obiettivo di conseguire la certificabilità dei bilanci delle aziende sanitarie. Sulla base di questi decreti le Regioni hanno avviato il Percorso attuativo della certificabilità (PAC) finalizzato al raggiungimento degli standard organizzativi, contabili e procedurali necessari a garantire la certificabilità dei dati e dei bilanci delle Aziende Sanitarie.
La Regione del Veneto ha approvato il percorso attuativo della certificabilità con d.g.r.v. nr. 183 del 1° luglio 2015 ed ha recepito le indicazioni fornite dal Tavolo di Verifica adempimenti del 21 ottobre 2014. Il PAC è stato poi trasmesso a tutte le Aziende del SSR. Contestualmente a questo percorso la Regione, con d.g.r.v. 995/2012, ha avviato l’implementazione del sistema di controllo interno nelle aziende del sistema sanitario regionale che, oltre agli obiettivi propri dell’internal audit, sta supportando per le attività di verifica il PAC stesso. 
Con l’emanazione della L.R. 25 ottobre 2016, n. 19  e la conseguente riorganizzazione delle aziende del SSR tramite i nuovi atti aziendali, è stato dato nuovo slancio sia al percorso attuativo della certificabilità sia allo sviluppo dell’internal audit. L’ulss 2 è stata chiamata a rivedere e unificare le procedure precedentemente definite nelle singole tre ex aziende e sono stati effettuate le prime verifiche di applicazione, secondo tempistiche e modalità definite da Azienda Zero. Il percorso è in progress e in continuo perfezionamento, tenendo conto sia delle richieste regionali che della evoluzione continua  cui è soggetta un’organizzazione complessa quale l’azienda ulss.