Questo sito utilizza cookie per seguirti nei servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca sull'apposito bottone.

Cliccando OK acconsenti all'uso dei cookie.


L’Haemophilus influenzae di tipo b (Hib) è un batterio che causa infezioni spesso severe, soprattutto tra i bambini di età inferiore ai 5 anni. Abitualmente, l’Hib dà una malattia simil-influenzale, che si risolve nel giro di qualche giorno. In alcuni casi, invece, l’infezione può evolvere in forme gravi dette forme invasive. 
La popolazione a rischio comprende la popolazione infantile e gli adulti che presentano alcune condizioni a rischio come ad esempio: asportazione o malattie della milza, difetti delle difese immunitarie (infezione da HIV, deficit del complemento…), trapianto del midollo osseo, talassemia e anemia falciforme.
La trasmissione avviene attraverso contatto diretto, con inalazione di goccioline emesse con le secrezioni naso-faringee da parte di malati e/o portatori; dall’introduzione del vaccino, è diventato raro lo stato di portatore. 


Epidemiologia

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha stimato che nel 2000, a livello mondiale, l’Haemophilus influenzae abbia causato 2-3 milioni di casi di malattia invasiva – soprattutto polmoniti e meningiti - e 386.000 morti in età infantile. Nel nostro Paese, dall'introduzione del vaccino anti-Hib nel 1995, vi è stata una progressiva diminuzione dell’incidenza della malattia, che è passata da 5,5/100.000 casi all’anno a 0,22/100.000 casi nel 2015


Sintomatologia

Le malattie invasive causate da Hib possono interessare diversi organi ma i tipi più comuni di malattia invasiva sono la meningite e l’epiglottite. 

  • La meningite è un'infezione delle membrane che coprono il cervello. I sintomi tipici di meningite sono febbre, alterazione dello stato mentale e rigidità del collo. La letalità della meningite da Hib è del 2%-5% anche con una appropriata terapia antibiotica. Chi guarisce dalla meningite può avere però conseguenze neurologiche, che si verificano nel 15%-30% dei pazienti.
  • L'Epiglottite è un'infezione della epiglottide, quella struttura della gola che ricopre e protegge la laringe durante la deglutizione. L’epiglottite è pericolosa perché può causare un’ostruzione delle vie aeree con rischio di morte per soffocamento.
  • Altre manifestazioni della malattia invasiva sono l'artrite settica (infezione delle articolazioni), la cellulite (una infezione della pelle che di solito interessa faccia, testa, o collo), la polmonite, l’osteomielite (infezione ossea) e la pericardite (infezione del sacco che copre il cuore).